Ottobre 1942, il battaglione lascia Bologna

dicembre 20th, 2004

Il XXVI battaglione carabinieri, aggregato alla Divisione Vicenza, partecipò all’ultima fase della campagna di Russia tra la fine del 1942 e i primi mesi del 1943. Dal 24 dicembre al 17 gennaio venne schierato a Belowodsk dove ebbe un ruolo non secondario nel ritardare l’avanzata delle truppe sovietiche e quindi agevolare, per quel poco che fu possibile, la ritirata delle divisioni italiane.Riferisce l’Arma dei carabinieri nella sezione storica del suo sito:

Bologna, 8 ottobre 1942. Il XXVI battaglione CC.RR. lascia la città diretto in Russia. Con i gradi da maggiore il comandante Papa Vieri. Dietro di lui, da sinistra, tre ufficiali: il sottotenente medico Riccardo Scendrate, il sottotenente Giovanni Buffa e il capitano Tommaso Masella (archivio Masella)

Bologna, 8 ottobre 1942. Il XXVI battaglione CC.RR. lascia la città diretto in Russia. Con i gradi da maggiore il comandante Papa Vieri. Dietro di lui, da sinistra, tre ufficiali: il sottotenente medico Riccardo Scendrate, il sottotenente Giovanni Buffa e il capitano Tommaso Masella (archivio Masella)

“Sul fronte russo, fra il luglio 1941 ed il marzo 1943, operarono 43 sezioni carabinieri addette alle varie unità costituenti il C.S.I.R. (Corpo di spedizione italiano in Russia), divenuto poi ARMIR (Armata italiana in Russia). Su tale fronte operò anche il XXVI battaglione, partecipando, tra il 26 dicembre 1942 e il 17 gennaio 1943, nella zona di Belowodsk, a violenti combattimenti e quindi al ripiegamento verso Gomel.
Sul Bug, sull’Oriol, sul Dnieper, come poi sul Don, i Carabinieri dettero prova di eccezionale resistenza, di esemplare disciplina, di autentico valore. Ma fu dopo la seconda battaglia del Don che, nell’azione di fiancheggiamento e di copertura delle unità in ritirata, I’azione delle sezioni e del battaglione carabinieri fu particolarmente valorosa”.

Quella del XXVI carabinieri è, però, malgrado l’amplissima letteratura esistente sulla campagna di Russia, storia poco nota.
In queste pagine, nate per colmare questa piccola lacuna, sono pubblicati documenti ufficiali, raccolti soprattutto presso l’Ufficio Storico dell’Arma dei carabinieri, e materiale inedito gentilmente offerto da militari del battaglione o da loro familiari.

Con i baffi, subito dietro il maggiore, il sottotenente Franco Iozzo (Archivio Masella)

Con i baffi, subito dietro il maggiore, il sottotenente Franco Iozzo (Archivio Masella)

Chiunque voglia mettere a disposizione documenti, lettere, fotografie o anche semplici testimonianze orali di militari che hanno fatto parte del XXVI battaglione può contattarmi a questo indirizzo.

Pier Vittorio Buffa
pier.vittorio.buffa@gmail.com

Per essere informati sugli aggiornamenti del sito inviare una mail allo stesso indirizzo indicando nell’oggetto: “aggiornamento”