Archivi Tag: Luigi Manconi

Manconi, una cartina al tornasole

Cannabis: presentato Ddl per legalizzazione a fini terapeuticiAlla fine della "guerra delle candidature" del Pd i numeri sembrano abbastanza chiari: secondo calcoli e previsioni ai renziani dovrebbero andare più dei due terzi del pattuglione di deputati. Un risultato raggiunto "facendo fuori" persone che alla sinistra e al paese hanno dato non poco. E molto ancora potrebbero dare.

Un esempio per tutti: l'esclusione di Luigi Manconi.

Non c'è una sola ragione al mondo perché un partito come il Pd non abbia sentito il dovere civile e politico di ricandidare un uomo come lui.

Manconi, per chi non lo avesse chiaro, è impegnato da anni e anni in sacrosante battaglie di civiltà e di difesa dei diritti umani. Battaglie che dovrebbero essere il cuore di una sinistra proiettata verso il futuro.

È stato lui a dare il via all'iter parlamentare che ha portato all'approvazione della legge sulla tortura (un testo che ha però definito "un'occasione mancata"). È stato lui in prima fila nella battaglia persa per approvare lo Ius soli prima dello scioglimento del Parlamento. È stato lui tra i primi a battersi perché non venisse nascosta la verità sull'uccisione di Tullio Regeni... E potremmo continuare: l'elenco sarebbe lunghissimo ed emozionante.

Tenendo fuori Manconi dal prossimo Parlamento è come se il Pd volesse dire, al di là di ogni dichiarazione di intenti, che quelle dell'ormai ex senatore "non sono le nostre battaglie, non sono le nostre priorità...". Una scelta, quindi, che è anche una sorta di cartina al tornasole di quella che viene definita la "mutazione genetica" del Pd. Perché non è stata un'esclusione casuale, magari risultato di tristi giochi di corrente. È stata un'esclusione "politicamente" voluta e decisa. Anche davanti a un appello di decine e decine di persone che chiedevano, invece, la riconferma. Basta scorrere l'elenco dei primi firmatari per capire ancora meglio il peso specifico di questa decisione (qui il testo dell'appello).

 

 

Manconi, una cartina al tornasole

Cannabis: presentato Ddl per legalizzazione a fini terapeuticiAlla fine della "guerra delle candidature" del Pd i numeri sembrano abbastanza chiari: secondo calcoli e previsioni ai renziani dovrebbero andare più dei due terzi del pattuglione di deputati. Un risultato raggiunto "facendo fuori" persone che alla sinistra e al paese hanno dato non poco. E molto ancora potrebbero dare.

Un esempio per tutti: l'esclusione di Luigi Manconi.

Non c'è una sola ragione al mondo perché un partito come il Pd non abbia sentito il dovere civile e politico di ricandidare un uomo come lui.

Manconi, per chi non lo avesse chiaro, è impegnato da anni e anni in sacrosante battaglie di civiltà e di difesa dei diritti umani. Battaglie che dovrebbero essere il cuore di una sinistra proiettata verso il futuro.

È stato lui a dare il via all'iter parlamentare che ha portato all'approvazione della legge sulla tortura (un testo che ha però definito "un'occasione mancata"). È stato lui in prima fila nella battaglia persa per approvare lo Ius soli prima dello scioglimento del Parlamento. È stato lui tra i primi a battersi perché non venisse nascosta la verità sull'uccisione di Tullio Regeni... E potremmo continuare: l'elenco sarebbe lunghissimo ed emozionante.

Tenendo fuori Manconi dal prossimo Parlamento è come se il Pd volesse dire, al di là di ogni dichiarazione di intenti, che quelle dell'ormai ex senatore "non sono le nostre battaglie, non sono le nostre priorità...". Una scelta, quindi, che è anche una sorta di cartina al tornasole di quella che viene definita la "mutazione genetica" del Pd. Perché non è stata un'esclusione casuale, magari risultato di tristi giochi di corrente. È stata un'esclusione "politicamente" voluta e decisa. Anche davanti a un appello di decine e decine di persone che chiedevano, invece, la riconferma. Basta scorrere l'elenco dei primi firmatari per capire ancora meglio il peso specifico di questa decisione (qui il testo dell'appello).

 

 

Manconi, il caso Uva e la tortura

Per quello che puo’ contare sottoscrivo integralmente l’appello di Luigi Manconi sul caso di Giuseppe Uva. Lo si puo’ leggere qui e qui si possono leggere le interrogazioni del senatore Manconi su Uva e sul caso Cucchi.

Lo sottoscrivo perche’ ci tiene con i piedi per terra e ci ricorda, con la forza che Manconi ha sempre messo nelle proprie iniziative, uno dei capisaldi della convienza civile.

Quello di potersi fidare delle persone a cui la comunita’ affida la propria sicurezza e a cui, a questo solo fine, conferisce particolari popteri.

In altre parole, potersi fidare della polizia, dei carabinieri, della guardia di finanza…

Con Uva e’ successo quello che non dovrebbe succedere, e Giuseppe e’ morto dopo essere stato in una caserma. Il pubblico ministero aveva chiesto, come Manconi spiega nel dettaglio, il proscioglimento di poliziotti e carabinieri, il giudice ne ha ordinata l’imputazione. Adesso Manconi chiede una cosa molto semplice: che non sia lo stesso pubblico ministero che non voleva il giudizio per poliziotti e carabinieri a sostenere l’accusa nel processo. E questo perché il percorso della giustizia possa procedere spedito e, dopo 6 anni, i colpevoli, se dichiarati tali, possano essere puniti.

Aggiungo che forse è giunto il momento di tornare a ragionare su quel reato di tortura che è sempre rimasto ai margini del dibattito politico. Se un cittadino viene picchiato, umiliato, seviziato da un tutore dell’ordine nell’esercizio delle proprie funzioni non ci dovrebbe essere bisogno di cercare particolari fattispecie di reato. E’ tortura e andrebbe perseguita nel modo più spedito e duro.