Archivi Tag: Angelino Alfano

Carte

Berlusconi Silvio è tornato al centro della scena politica italiana.

Non ci possono essere dubbi sul fatto che sia questo uno degli effetti, per me perverso, per altri positivo, della fulminea azione di Matteo Renzi.

Ed è facile pronosticare, leggendo le simulazioni fatte sulla legge elettorale Renzi-Berlusconi (perché così va chiamata), che un altro effetto di quello che è accaduto in questi giorni sarà (in un modo o nell’altro) un riaccorpamento, sotto la potente ala berlusconiana, delle forze del centro destra, a cominciare dalla neonata formazione di Angelino Alfano.

Insomma. Quello che sta accadendo ha più il sapore di una partita di poker che di un confronto politico. E’ come se Renzi e Berlusconi si fossero detti: “Facciamo in modo di giocarcela tra di noi: chi vince prende tutto, chi perde sparisce”. Il che non è di per sé negativo, è comunque un tentativo, forse il più concreto di sempre, di fare chiarezza e rendere il paese governabile.

Tra oggi e il giorno dell’epilogo la partita va tutta giocata, vanno date le carte. Quindi tanto vale entrare nel merito.

Di un particolare della legge elettorale, non secondario, ma quasi decisivo non ho sentito parlare. La possibilità, per un candidato, di presentarsi in più collegi. Come sappiamo le liste sono “corte” e quindi ha molto peso la qualità del singolo aspirante deputato. Immaginiamo che Berlusconi Silvio si presenti in tanti dei 110 collegi previsti. L”effetto sul risultato sarebbe decisamente inquinato perché la presenza del leader farebbe scomparire la rilevanza degli altri candidati e si tornerebbe a un parlamento di nominati. Stessa cosa varrebbe, ovviamente se fosse Matteo Renzi a  candidarsi in più collegi. Si andrebbe a uno scontro solo tra leader e a un parlamento scelto non dagli elettori ma dagli stessi leader.

Ho estremizzato gli effetti, sono arrivato quasi a un paradosso, ma è per cercare di rendere l’idea della rilevanza della questione. E auspicare che non ci si possa candidare in più di un collegio.

 

 

Questa è la carrozza

Leggo sull’Huffington Post che il segretario del Pd Matteo Renzi, dopo una serie di contatti e trattative, avrebbe avuto una lunga telefonata con Berlusconi Silvio per parlare soprattutto di legge elettorale. E che il capo di Forza Italia si sarebbe detto disponibile a discutere di “sistema spagnolo” e/o “Mattarellum modificato”, non del “doppio turno alla francese“.

Confesso che la cosa mi preoccupa perché mi riporta al passato. Ai giorni in cui Massimo D’Alema sottoscrisse il cosiddetto patto della crostata che ebbe come unico e, per una buona parte degli italiani, drammatico effetto di rimettere le ali a Berlusconi .

Certo. I tempi sono diversi, la storia sicuramente suggerisce cautela, Renzi ha dichiarato obiettivi chiari e condivisibili.

Ma mi chiedo: non sarebbe meglio trovare un accordo con le forze che attualmente costituiscono la maggioranza di governo e poi dire a chi sta all’opposizione (cioè, essenzialmente Forza Italia e Cinque Stelle): questa è la carrozza, ci volete salire? E se si dovesse  arrivare a una proposta di legge elettorale che piace a Berlusconi Silvio ma non al Nuovo centro destra di Angelino Alfano non si darebbe soltanto nuovo ossigeno a un Berlusconi che dovrebbe avere, come principale impegno del proprio futuro, solo quello di scontare la pena inflittagli per frode fiscale?

 

Tristezza e rabbia

Ho fatto fatica, in questi ultimi giorni, a leggere le cronache politiche italiane.

Due le vicende che, oltre alla fatica di seguirne gli sviluppi,  mi hanno procurato tristezza e rabbia.

1. Calderoli-orango-Kyenge. Ma si può, in un paese civile e democratico come dovrebbe essere il nostro, dibattere su una cosa del genere? Si può tollerare che si paragoni un essere umano a un orango? Si può accettare che i lavori del Senato siano guidati da una persona, Roberto Calderoli, che si esprime, e quindi pensa, così? No, non si può. Per questo il solo fatto che questo individuo sia ancora vice presidente del Senato mi trasmette tristezza e rabbia.

2. Shalabayeva-Procaccini-Alfano. Il ministro dell’Interno e vice presidente del consiglio, Angelino Alfano, dice che non ne sapeva nulla, che nessuno lo ha informato, al Viminale, di quello che stava accadendo. Il suo capo di gabinetto, Giuseppe Procaccini, si dimette e afferma, invece, che il ministro sapeva, che era stato lui stesso, Procaccini, a informarlo della richiesta dell’ambasciatore kazhako. Chi dice bugie? Il ministro o il suo capo di gabinetto? Uno dei due sicuramente. E questo vuol dire che dice bugie agli italiani almeno una delle persone al vertice del ministero più delicato per la sicurezza interna del nostro paese. Che tristezza. Che rabbia.